Il bugiardino - Effetti indesiderati

on Lunedì, 07 Luglio 2014.

 

shutterstock 1308223251Un video recente su Wired (qui) offre molti spunti per ragionare su quali possano essere alcuni effetti indesiderati..

Non solo in termini di dosi eccessive, ma anche come impatto sulla nostra percezione della vita e di quelle degli altri.

Negli ultimi giorni sono balzati agli onori delle cronache gli esperimenti scientifici condotti sulla grande base dati di Facebook per studiare i processi di contagio emotivo. 

A parte la risonanza che lo studio ha avuto per gli aspetti etici e le loro possibili conseguenze anche legali (qui fonti sul Corriere e Repubblica), il tema del “social contagion” non è affatto banale.

Quello che i ricercatori hanno mostrato è, in sintesi, un fenomeno del quale non siamo consapevoli: le emozioni degli altri influenzano le nostre, anche se veicolate in modo virtuale.

Non solo, le opinioni degli altri influenzano le nostre (aspetto noto da tempo agli psicologi sociali), ma più in generale le nostre relazioni, i contatti veicolati attraverso le reti sociali hanno un impatto sul nostro stile di vita e sui comportamenti (anche quelli dannosi per la salute). 

Ci sono evidenze empiriche (approfondimenti sotto) sul fatto che i processi d’influenza sociale manifestino i loro effetti non solo attraverso i contatti diretti, ma attraverso le reti sociali fino al terzo grado di separazione (amici degli amici degli amici).

Certamente gli effetti dell’influenza sociale non sono solo negativi (e vengono utilizzati al meglio da capaci psicologi che mettono a disposizione la loro expertise…;-)), ma averne consapevolezza può essere utile in molti settori (ad esempio in azienda per intervenire sui comportamenti relativi alla sicurezza).

Soluzioni? Prevenzione?

A parte i consigli per l’uso già visti nella scorsa puntata (vedasi posologia), ci sono soluzioni correttive già offerte da esperti di marketing di chiara fama (vedere questo video gentilmente offerto da Coca Cola in via del tutto disinteressata..). 

Se questo non vi bastasse, a scopo preventivo e/o disintossicante è disponibile una terapia rivoluzionaria e a basso costo: almeno una volta alla settimana (meglio se due), dedicare uno spazio (anche breve) ad incontrare amici per chiacchierare…a smartphone spenti! Se proprio non riuscite…escludete almeno la connessione dati/wi-fi..

Buona estate!

 

Per approfondimenti

Sagioglou, C., & Greitemeyer, T. (2014). Facebook’s emotional consequences: Why Facebook causes a decrease in mood and why people still use it. Computers in Human Behavior, 35(C), 359–363. doi:10.1016/j.chb.2014.03.003

Coviello, L., Sohn, Y., Kramer, A. D. I., Marlow, C., Franceschetti, M., Christakis, N. A., & Fowler, J. H. (2014). Detecting emotional contagion in massive social networks. PloS One, 9(3), e90315. doi:10.1371/journal.pone.0090315

Christakis, N. A., & Fowler, J. H. (2009). Connected.

Christakis, N. A., & Fowler, J. H. (2012). Social contagion theory: examining dynamic social networks and human behavior. Statistics in Medicine, n–a–n–a. doi:10.1002/sim.5408

Kramer, A. D., Guillory, J. E., & Hancock, J. T. (2014). Experimental evidence of massive-scale emotional contagion through social networks. Proceedings of the National Academy of Sciences, 201320040.

http://it.wikipedia.org/wiki/Influenza_minoritaria

Moscovici, S. (1976). Social influence and social change. Academic Press.

Comments (0)

Leave a comment

You are commenting as guest.